2012_08_04 Sorell e Cabirol - GGC

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gallerie > Racconti

Sorell e Cabirol

Andrea ci ha proposto un magnifico weekend Algherese,  per visitare la Grotta del Sorell nota anche come Grotta GEA e avventurarci poi nella bellissima Ferrata del Cabirol .
Sabato alle 10 del mattino arriviamo al parcheggio del belvedere a Capo Caccia , siamo Andrea, Manu, Fabio, Tina , Luca, Kekko e io.  



Sfidando le temperature già proibitive di un 4 Agosto infuocato, indossiamo la tuta e discendiamo la scogliera fronte l’isola Foradada,  si salta tra le rocce, oggi il mare non è agitato quindi è facile  raggiungere l’ingresso nella grotta dopo una breve arrampicata.



Da subito la grotta si presenta scivolosa e molto concrezionata. Attraverso alcune salite fra piccoli ambienti di crollo raggiungiamo la frattura e qui si aprono diversi ambienti molto grandi ornati di eccentriche.
Si notano colate e colonne spezzate da probabili eventi di assestamento geologico e sono affascinanti i numerosi cerchi sul pavimento. La discesa della faglia conduce al punto più basso che rivela la vera sorpresa: un lago turchese quasi incantato.



L’acqua  “dolce e salata” nella sua limpidezza ci fa apprezzare le concrezioni subacquee  che si specchiano con quelle aeree, è uno spettacolo. Manu e Kekko non resistono al fascino del lago sotterraneo, impavidi si sfilano la tuta e si regalano un bagno nell’acqua gelida … ci allontaniamo verso l’uscita non prima che Fabio faccia le foto di rito …
Sono le 4 del pomeriggio e visto che vogliamo affrontare la Ferrata del Cabirol al tramonto, prima ci concediamo un’ora di mare con bagno nella spettacolare spiaggia di Cala Dragunara; (sto ancora ridendo per l’inquietante bandana lurida in testa a Luca tra i bagnanti).
Anche se per me,Kekko, Fabio e Tina è la terza volta al Cabirol, la viviamo con entusiasmo e lasciamo il giusto momento di emozione a Manu, Andrea e Luca che la vivono per la prima volta con il sorriso adrenalinico stampato Cabirol.
Uno spettacolo il tramonto mentre si è sospesi nella cengia alta della Falesia, L’isola di Foradada colorata di arancio è sinuosa sorvolata da rondini e gabbiani… che magia!  



Io kekko e Luca ripartiamo per Cagliari mentre gli altri continueranno il loro weekend algherese ….
Grazie grazie e ancora grazie per avermi fatto conoscere e vivere questo gioiellino di grotta.

Daniela Maccioni

P.s.  La frase del giorno prima:  “ una grotta semplice semplice, pulita pulita e veloce”


Se vuoi puoi inserire un tuo commento su quest'articolo


Nessun commento
Oggi e' e sono le
Torna ai contenuti | Torna al menu